Concorso Lirico Ravello | edizione 2020
315
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-315,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

XI CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO
“Ravello Città della Musica”

RAVELLO, 25-26 Settembre 2020

COMMISSIONE

Presidente Commissione
Leone Magiera
Pianista e Direttore d’orchestra


Dante Mariti

Agente, Presidente Melos International


Walter Fernando Omaggio

Tenore


Patrizia Porzio

Mezzosoprano


Alberto Veronesi

Direttore Musicale e
Direttore Principale Fondazione Festival Pucciniano


Alicja Węgorzewska

Mezzosoprano, Direttore dell’Opera da Camera di Varsavia

PREMIO WAGNER 2020
del Comune di Ravello al Metropolitan Opera House di New York

per il rilievo dato a Richard Wagner nella programmazione dei propri Cartelloni d’Opera.

In particolare nella stagione 2019/2020 per la messa in scena del Der fliegende Holländer   diretto dal Maestro Valery Gergiev con il grande baritono Sir Bryn Terfel nel ruolo del maledetto capitano di mare condannato a navigare nell’oceano aperto per l’eternità, per una nuova produzione di François Girard, già noto al grande pubblico del Teatro d’Opera per la sua regia del Parsifal nel 2013 al Metropolitan Opera House di New York.

Dalla Residenza Municipale, 21 novembre 2019
Il Sindaco Avv. Salvatore Di Martino

Auditorium Oscar Niemeyer: una conchiglia sul mare

Ravello, Città della Musica e gioiello assoluto nel panorama delle località turistiche, ha affidato a Oscar Niemeyer, uno dei geni dell’architettura del nostro tempo, la realizzazione di un luogo capace di accogliere iniziative musicali di ogni genere e in ogni mese dell’anno.

Lo stile dell’edificio è solare e curvilineo come l’intera costiera amalfitana in cui la struttura si inserisce, senza imporsi. All’auditorium si accede da una piazza oblunga che consente di godere anche lo strepitoso panorama.

La perfezione acustica è agevolata dalla sua forma concava che evoca la perfetta cassa armonica di un mandolino o un elmo medievale, alludendo alle radici storiche di Ravello. Il paesaggio resta godibile attraverso l’ampia vetrata di accesso e occhieggia dall’oblò dietro l’orchestra.

Nella sala, i 406 posti a sedere sfruttano il declivio naturale del terreno e sono protetti da una cupola, mentre l’orchestra e il foyer sporgono arditamente nel vuoto senza sostegni. Arricchiscono la struttura sale di registrazione, prove d’orchestra, magazzini, sale macchina e due piani di garage per 110 posti.