Concorso Lirico Ravello | edizione 2018
315
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-315,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

X CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO
“Ravello Città della Musica”

RAVELLO, 6-7-8 Dicembre 2018

COMMISSIONE

Presidente Alessandra Althoff PuglieseSoprano

Presidente Associazione Richard Wagner di Venezia
Vicepresidente della Richard-Wagner-Verband-International
Responsabile del IGW Voice Competition

 

M° Eva Wagner Pasquier – Nipote di Richard Wagner, Opera Manager e Consulente Teatrale, già co-direttice del Bayreuther Festspiele

M° Alberto VeronesiDirettore d’Orchestra, Presidente Fondazione Festival Pucciniano

M° Sasha Katnelson – General Director Amalfi Coast Music & Arts Festival

M° Enzo Amato – Direttore Artistico Festival Internazionale del Settecento Musicale

M° Patrizia PorzioMezzosoprano, Responsabile Eventi Comune di Ravello

 

Giovedì 6 e Venerdì 7 dicembre 2018
Eliminatoria e Semifinale

 

Sabato 8 dicembre 2018
Finale in Forma di Concerto e Premiazione dei Vincitori

 

Premio Wagner a Eva Wagner Pasquier

nipote di Richard Wagner,  Opera Manager e Consulente Teatrale, già co-direttrice del Bayreuther Festspiele

Auditorium Oscar Niemeyer: una conchiglia sul mare

Ravello, Città della Musica e gioiello assoluto nel panorama delle località turistiche, ha affidato a Oscar Niemeyer, uno dei geni dell’architettura del nostro tempo, la realizzazione di un luogo capace di accogliere iniziative musicali di ogni genere e in ogni mese dell’anno.

Lo stile dell’edificio è solare e curvilineo come l’intera costiera amalfitana in cui la struttura si inserisce, senza imporsi. All’auditorium si accede da una piazza oblunga che consente di godere anche lo strepitoso panorama.

La perfezione acustica è agevolata dalla sua forma concava che evoca la perfetta cassa armonica di un mandolino o un elmo medievale, alludendo alle radici storiche di Ravello. Il paesaggio resta godibile attraverso l’ampia vetrata di accesso e occhieggia dall’oblò dietro l’orchestra.

Nella sala, i 406 posti a sedere sfruttano il declivio naturale del terreno e sono protetti da una cupola, mentre l’orchestra e il foyer sporgono arditamente nel vuoto senza sostegni. Arricchiscono la struttura sale di registrazione, prove d’orchestra, magazzini, sale macchina e due piani di garage per 110 posti.